Assicurazioni auto fasulle in aumento, colpa dei rincari?

Le polizze per le assicurazioni auto aumentano sempre di più ogni anno; la colpa di questo fenomeno non è ben chiaro nella mente di tutti gli italiani, eppure ognuno di noi continua a pagare ogni anno la propria quota assicurativa.
Una specie di “tassa”, ma dalla quale non c’è modo di uscirne indenni sul risparmio. L’unica soluzione che, negli ultimi tempi, pare affermarsi tra un bel gruzzoletto di persone, pare essere quella legata alle polizze assicurative online.
Sottoscrivere un’assicurazione auto online è vantaggioso per molteplici aspetti:

  • Si risparmia: in alcuni casi c’è gente che ha risparmiato oltre il 30% su una polizza Rc auto (mica male!);
  • Tutto è gestibile in maniera totalmente gratuita dal proprio pannello online;
  • Il servizio clienti, in genere, è aperto 24 ore su 24 e funziona in maniera impeccabile (tranne rarissimi casi);

Se c’è un vantaggio così grande, a questo punto, perché tutti non si rivolgono ad agenzie assicurative online?

Forse perché si fa’ (volutamente) poca informazione a riguardo; o forse, anche, perché nel nostro paese non c’è tantissima fiducia nel web e tutto quello che chiede pagamenti con carta di credito e similari… viene visto come un tentativo di truffa.

Ma, ricollegandoci al titolo di questo articolo, mi viene da chiedere: “Perché nell’ultimo periodo sono aumentate le polizze fasulle?”

La colpa è soprattutto dell’aumento, a mio modo di vere. Non tutti possono permettersi di pagare cifre elevate per una polizza assicurativa. Basti pensare a quante famiglie, oggigiorno, non arrivano nemmeno a fine mese con lo stipendio! Per chi un lavoro, chiaramente, ce l’ha…

Polizze online o polizze fasulle?

La differenza è abissale, sotto molteplici punti di vista. Ma per molti pare essere la stessa cosa, con un risparmio nettamente inferiore sulla seconda opzione.

“Peccato” che sia illegale. E non è una bella cosa ricorrere a queste magagne solamente perché non si vuole trovare una soluzione giusta e ideale per ogni cittadino italiano!

Comments

comments

Lascia un commento