Febbraio in moto? Ripararsi dal freddo e avere stile è possibile

Anche in moto è importante non rinunciare allo stile, oltre alla sicurezza. Che sia inverno, primavera o estate, l’abbigliamento del motociclista deve essere per prima cosa garante della sicurezza. L’elemento che non può mancare assolutamente è il casco: in qualsiasi modello, deve essere della giusta misura, ovvero fasciare bene la testa senza stringere eccessivamente nella zona delle guance e del mento. Al momento dell’acquisto, è sempre bene provarlo, in modo da optare per la misura e la tipologia più adatta alle nostre esigenze. Attenzione anche all’allacciatura, che dovrà essere agevole e dotata di cinturino regolabile. Per i più attenti allo stile, sarà perfetto un casco moto alla moda, che sarà quel tocco in più all’abbigliamento tecnico da moto o semplicemente da città.

Se si deve guidare una moto da strada di una certa cilindrata  oppure una da corsa, sarebbe meglio scegliere una tuta intera che, a differenza di pezzi combinati, si strappa meno e protegge maggiormente da urti e contusioni. Anche se non è particolarmente comoda, assicura un alto grado di sicurezza alle cadute e agli eventuali incendi del mezzo, essendo ignifuga. Naturalmente dovrà apportare il marchio di omologazione, che certifichi la sua conformità agli standard europei in vigore. Le protezioni su schiena, gomiti e ginocchia non devono muoversi per nessun motivo. Da abbinare alla tuta, che sia intera o divisibile, dei guanti imbottiti e degli stivali specifici per la guida in moto. Se la tuta non dovesse avere il para schiena, meglio acquistarne uno a parte e inserirlo in un secondo tempo. La sicurezza non è mai troppa, specie in strada  e in moto che, a differenza della macchina, non offre la protezione della carrozzeria. Un abbigliamento idoneo, omologato e scelto con criterio saprà fare la differenza. Ci si dovrà però rivolgere a punti vendita specializzati nel settore , dove si potrà anche chiedere un consulto personalizzato.

Comments

comments

Lascia un commento